Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da maggio 24, 2009

Il terremoto in Abruzzo: UN’OCCASIONE PERSA PER TACERE

SOLIDARIETA’ PER I TERREMOTATI DELL’ABRUZZO (UOMINI E DONNE CHE
HANNO PERSO CASA E VITE UMANE …. INGEGNERI ED ARCHITETTI CHE
PERDERANNO LA LORO RISPETTABILITA’ PROFESSIONALE): UN’OCCASIONE
PERSA PER TACERE

Neanche il silenzio delle macerie e del dolore è riuscito a fare tacere i “soloni” del sapere scientifico, che hanno fatto a
gara per spalancare le fauci e gridare le loro “non verità ignoranti”, che hanno fatto rabbrividire di stupore pure me…..
piccola (non d’età, ma di scienza) ingegnere generico.
Esprimo, mesta, la mia solidarietà umana agli abitanti delle zone terremotate; grido, a gran voce, la mia solidarietà ai
colleghi ingegneri e architetti che hanno lavorato nelle zone terremotate.
Sono nata all’Università di Catania con il professore di scienza delle costruzioni che alla prima affollata lezione
dell’anno accademico 1976-1977, ci fece sapere che le metodologie di calcolo strutturale che andavamo a studiare, erano
nate considerando coefficienti di sicurezza tali che c’era la possibil…

Architetti, Ingegneri e Geometri in ogni famiglia c'è n'è almeno uno

Nazzareno Iarrusso, segretario provinciale di Federarchitetti, ha inviato una riflessione “sulla tematica affrontata dal Quaderno in merito agli affidamenti degli incarichi professionali al Comune di Benevento e alla short - list (ormai bisognerebbe chiamarle long - list) pubblicata da Sannio Europa” che pubblichiamo integralmente:

“Le trasformazioni sociali, derivanti dalla caduta del muro di Berlino, hanno contribuito a far emergere le contraddizioni del sistema precedente basato sulla presenza dello Stato nei processi produttivi dato che lo stesso non poteva indebitarsi ulteriormente per assorbire le tensioni esistenti nella società civile.
Il repentino cambiamento della strutturazione economica ha visto impreparata la classe politica e dirigenziale la quale ha dovuto far ricorso ad esponenti provenienti dalla società civile per consentire il traghettamento, senza ulteriori scossoni, verso il nuovo modello di riferimento.

A questo va aggiunto l’allargamento all’Eurolandia dell’arena …

GUIDA alla Certificazione energetica.

Uno strumento utile che illustra gli obblighi, le scadenze e i benefici.

29/05/2009 – È stata presentata martedì scorso, presso la Casa Dell'Energia di Milano, la Guida su “La certificazione energetica degli edifici”, messa a punto da ICMQ e Adiconsum, per la comprensione e l’uso della certificazione energetica per contenere i consumi diminuendo la spesa delle famiglie e delle imprese italiane.

Secondo l'European Insulation Manufacturers Association (EURIMA), il consumo di energia per il riscaldamento, per l’acqua calda e per il raffrescamento estivo degli edifici rappresenta all’incirca il 40% dei consumi energetici dell’intera Comunità europea. Da marzo 2007 esiste un accordo che vincola i paesi membri a ridurre entro il 2020 i consumi e le emissioni del 20% rispetto ai livelli del 1990, incrementando al contempo del 20% la produzione di energia da fonti rinnovabili. L’Italia, paese europeo con il maggiore impiego di energia nel patrimonio edilizio, secondo le stime dell’ENEA…

Piano casa, lavoro per tanti

L'assessore regionale all'Urbanistica Marangon ieri all'incontro degli industriali di Treviso: «Il progetto verrà approvato entro il 24 giugno». Ance: «Interventi su 20 mila abitazioni e investimenti per 1,5 miliardi»

«Entro il 24 giugno verrà approvato il piano casa». E' la promessa dell'assessore regionale all'urbanistica Renzo Marangon fatta ieri davanti ai costruttori dell'associazione industriali di Treviso e Venezia. Sono previsti investimenti privati per 1,5 miliardi di euro spalmati su 2 anni; il prodotto del settore passerà dall'attuale -14% su scala regionale a un +27%. Un'iniezione vitaminica che garantirà il posto a 20.000 persone.
Il riscatto dell'edilizia dovrà passare necessariamente per il disegno di legge regionale dedicato alle abitazioni. Il tracollo del settore sta portando all'introduzione di nuove norme che agevoleranno gli ampliamenti delle residenze fino a un massimo del 40% (in caso di ricostruzioni secondo criteri di …

Investire nel fotovoltaico è meglio dei Bot

La passione per il fotovoltaico non è isolata: nonostante la contrazione dei consumi e degli investimenti che stiamo vivendo, il numero di famiglie italiane che stanno spendendo 14mila-20mila euro per un impianto fotovoltaico è in forte ascesa. L'occasione è ghiotta (e non si sa per quanto ancora durerà, visto che secondo gli analisti le misure statali a favore delle rinnovabili sono tra le più generose al mondo); tra Conto energia e scambio sul posto, l'investimento rende più dei BoT e dei Btp (tema anticipato dal Sole 24 Ore Rapporti del 3 febbraio, poi pubblicato sul sito del Sole 24 Ore e linkato in 1.130 altri siti italiani).

Per dimostrare questa tesi, Il Sole 24 Ore si è avvalso dello studio Energy & strategy group del Politecnico di Milano (la ricerca è scaricabile previa registrazione) e della consulenza della società Ecoclima di Besana Brianza, che ha fornito preventivi-tipo per costruire il conto economico. La simulazione, naturalmente, è al netto di discorsi com…

Umbria: Piano Casa

Ampliamenti volumetrici possibili anche su edifici composti da più alloggi e a destinazione produttiva.
27/05/2009 – Potrebbe essere approvato nella prima metà del mese prossimo il Piano Casa dell’Umbria. È in fase di discussione il ddl 1553 sul governo e la pianificazione del territorio che ridefinisce edilizia e urbanistica regionale.

Aumenti di cubatura: Sono consentiti ampliamenti fino a un massimo del 20% degli edifici a destinazione residenziale uni-bifamiliari, di superficie non superiore a 350 metri quadrati, e comunque entro il limite massimo di settanta metri quadri per edificio. Gli aumenti, che devono essere accompagnati da un incremento dell’efficienza energetica, sono possibili anche se realizzati in forma indipendente dall'edificio, essendo in questo caso legati a valutazioni di sicurezza e interventi di miglioramento sismico. Per gli interventi di demolizione e ricostruzione è previsto un premio di cubatura del 25% da abbinare alla certificazione di sostenibilità amb…

CON FOTOVOLTAICO SU 7% TETTI, uguale a sei centrali nucleari

(ANSA) - RHO-PERO (MILANO), 27 MAG - In Italia basterebbe che il 7% dei tetti fosse coperto da pannelli fotovoltaici per avere a disposizione una potenza di 10mila megawatt, equivalente alla potenza complessiva di circa sei moderne centrali nucleari: e' quanto emerge dai dati presentati a Milano dal vicedirettore generale di Legambiente Andrea Poggio.

''Si accusano le rinnovabili di essere aleatorie - ha attaccato l'ambientalista, intervenuto oggi a un incontro sul nucleare organizzato nell'ambito dei saloni LivinLuce e EnerMotive a Fieramilano - ma sull'atomo girano cifre e studi circa i costi, che presentano una forbice tale che francamente non so a chi credere''. La scala delle priorita' nelle scelte nazionali di politica energetica, secondo Poggio, dovrebbe essere questa: in primo luogo, investire sull'efficienza, riducendo gli sprechi; puntare poi in modo deciso sullo sviluppo delle rinnovabili e solo in terza battuta ragionare su un ricorso…

ICI SU RINNOVABILI - TASSA PER EOLICO E FOTOVOLTAICO

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Oltre alle questione burocratiche legate all'iter di autorizzazione, le fonti di energia rinnovabile avrebbero anche un altro problema: dover pagare l'Ici. La tassa che abitualmente si paga sugli immobili riguarderebbe soprattutto gli impianti eolici e fotovoltaici, considerati alla stregua di opifici in categoria D1. A deciderlo, l'Agenzia del territorio (con risoluzione n. 3 del 2008) sulla base di una disciplina catastale del 1949.

Una situazione analoga a quella delle centrali idroelettriche. A denunciare, per esempio, il pagamento di 150.000 euro all'anno di Ici per impianto eolico da 36 Mw, e' l'amministratore delegato di Unendo energia, Enrico Bruschi, nel corso del Forum Qualenergia oggi a Roma. ''Il comune - spiega Bruschi - vuole l'imposta che va a sommarsi alle royalties per aver accettato di ospitare l'impianto nel proprio territorio''. Per determinare la tassa, dice Bruschi, ''si e' risalit…

60% ITALIANI, NO A NUCLEARE

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il 60% degli italiani e' contrario al nucleare, per 7 su 10 e' pericoloso. Mentre le fonti alternative piacciono a 8 italiani su 10. Il 75% vorrebbe che l'energia fosse prodotta da solare e fotovoltaico.

In generale, le questioni ambientali preoccupano il 68,7% dei cittadini, piu' del rischio terrorismo e guerre al 22,1% e del problema casa al 4,9%. Questa la fotografia di una ricerca di Lorien Consulting e del mensile 'La nuova ecologia'. fonte: Ansa.it

Nessun AQE o ACE per sostituzione impianti

Niente più obbligo di certificazione
Se il testo in discussione alla Camera in questi giorni non cambierà secondo il ddl approvato in Senato il 13 maggio ("Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria"), non sarebbe più obbligatorio presentare l'attestato di certificazione energetica nel caso della sostituzione di impianti di riscaldamento con impianti più efficienti. L'articolo 32, dal titolo Semplificazioni, amplia l'esenzione dall'obbligo di documentazione anche per caldaie a condensazione, pompe di calore e geotermico a bassa entalpia. Prima erano già esenti la sostituzione di infissi e l'installazione di pannelli solari termici.

L'Enea si augura di mantenere almeno l'obbligo di asseverazione di tecnico abilitato e intanto pensa a una scheda sostitutiva vedi: casaeclima.com