Cerca nel blog

giovedì 26 novembre 2009

L'innovazione in architettura è oggi un mix vincente di sostenibilità ambientale, efficienza energetica

«La pelle esterna degli edifici si va sempre più ispessendo, è diventata intelligente e contiene ormai il sistema vitale dell'intera costruzione: in passato valeva due righe tirate via nel disegno, ora integra in un sistema unico pale eoliche, fotovoltaici, megadisplay digitali interattivi. Nel sud della Cina stiamo coltivando un bosco di essenze vegetali da 35mila metri quadrati sulla facciata di una costruzione e presto saremo in grado di integrare alghe produttrici di biofuel, in modo da trasformare l'edificio da consumatore a produttore di energia».

Parte dal marchigiano Simone Giostra, 39 anni, il viaggio tra gli architetti italiani capaci di scalare le classifiche internazionali dell'innovazione. Laurea al Politecnico di Milano, quattro anni nello studio di Alvaro Siza a Porto, poi il trasferimento a New York, dove dal 2006 ha un proprio studio. È considerato un guru del media wall da quando ha realizzato nel cuore di Pechino, per le Olimpiadi, il GreenPix, 2.500 metri quadrati di schermo che allora era la più grande facciata multimediale interattiva ed ecosostenibile del mondo.
Continua su ilsole24ore.com

mercoledì 25 novembre 2009

Ponteggi: norme e video

Ponteggi sintesi con video e riferimenti normativi Testo unico

Premio "Tecnologie per l'efficienza energetica"

BIC Lazio promuove il Premio "Tecnologie per l'efficienza energetica" per contribuire alla diffusione delle tematiche relative all'efficienza energetica e alla valorizzazione economica dei risultati della ricerca in campo energetico.

Il Premio seleziona le idee d'impresa ed i progetti di valorizzazione economica in grado di applicare nuove e pi? efficienti tecnologie/metodologie nelle tre fasi del ciclo dell'energia: produzione di energia; distribuzione di energia; impiego finale.

La partecipazione ? riservata a:
a)Docenti, singoli ricercatori e/o gruppi di ricercatori delle Universit? e dei Centri di ricerca pubblici;
b) Piccole e Medie Imprese;
c) ESCO;
d) Energy manager;
e) Studi di ingegneria e architettura.

Il bando prevede l'assegnazione di premi per un ammontare complessivo di ? 15.000, indicativamente cos? distribuiti:
- 1 premio da ? 5.000, per docenti, ricercatori o gruppi di ricercatori delle universit? e dei centri di ricerca pubblici;
- 2 premi da ? 5.000, per piccole e medie imprese, ESCO, energy manager, studi di ingegneria e architettura.

Tutti i premi in denaro sono da intendersi al lordo delle ritenute di legge.
continua su biclazio.it
http://www.biclazio.it/xml/hp3.asp?IDcontent=7693

Le aziende dell'energia pulita insorgono contro la Finanziaria 2010

Un emendamento del governo ritocca il contestato incentivo Cip6 ma aggiunge per tutte le centrali alimentate da fonti rinnovabili di energia un obbligo: se l'impianto non ? "programmabile" (cio? se funziona seguendo gli incerti del vento, del sole o della pioggia) deve dotarsi di un impianto di ?accumulo di energia? per poter funzionare quando l'energia rinnovabile non ? disponibile. Accumulo sotto forma di bacino idroelettrico, o sotto forma dell'energia chimica contenuta nel gasolio, o qualunque altra tecnologia che permette di produrre elettricit? quando il vento non fa girare l'elica o la nuvola oscura il pannello fotovoltaico.

?Una corbelleria che paralizzer? il settore?, sbotta Marco Pigni, direttore dell'Aper, l'associazione dei produttori di energia ottenuta da fonti rinnovabili. L'Aper ? una delle associazioni pronte a fare battaglia insieme con l'Anev (eolico), la Federpern, la Fiper, l'Ises (solare), l'Itabia (biomasse), dagli ecologisti di Greenpeace e Legambiente e dall'industria aderente al Kyoto Club. Queste associazioni hanno sottoscritto un documento congiunto. Questi emendamenti, affermano insieme le associazioni, devono essere ritirati: sono ?una forte turbativa nel mercato? per l'ennesimo mutamento delle regole del gioco in corsa e ?provocherebbero la crisi di un settore, quello della produzione di energia da fonte rinnovabile, attualmente in grande sviluppo?. Alla protesta aderisce ? anche se non ha firmato il documento congiunto ? anche l'Assosolare.Una delle associazioni, la Federpern guidata da Flavio Sarasino, ha anche presentato ricorso al Tar contro una delibera dell'Autorit? dell'energia sui prezzi minimi garantiti per la corrente delle centrali pulite ritirata dal Gestore dei servizi energetici.

L'energia solare in Italia, favorita dalle tariffe premianti del ?conto energia?, ha anche qualche "nemico" fiscale. Primo fra tutti, denunciano i produttori, l'Ici sugli impianti fotovoltaici a terra , che l'agenzia del Territorio ha classificato come ?opifici?, assoggettandoli al pagamento dell'imposta (risoluzione 3 del 6 novembre 2008).
Continua su ilsole24ore.com
http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/dossier/Economia%20e%20Lavoro/risparmio-energetico/normativa/alta-tensione-energie-rinnovabili.shtml?uuid=d6c322d2-d9b6-11de-a8b5-39ada1513d27&DocRulesView=Libero

l'architetto Rogers, padre della Torre Velasca a Milano

«La Torre Velasca? Era il Castello Sforzesco del secondo Novecento. Negli anni Cinquanta gli architetti sapevano ancora progettare e pensare in grande, convinti che una città non vive del proprio passato, ma lo interpreta e lo rilancia nel proprio futuro». Così l’architetto Marco Albini, titolare della cattedra di Scienze del Territorio della Facoltà di Architettura di Milano, un nome che nel suo campo è una dinastia, ricorda l’ideazione e la costruzione della Torre Velasca, l’edificio modernista di Ernesto Nathan Rogers (Trieste 16 marzo 1909-Gardone Riviera, 7 novembre 1969), progettista e accademico italiano. Padre inglese e madre di religione ebraica, Rogers si laureò al Politecnico di Milano nel 1932 e nello stesso anno fondò con i compagni di studi Ludovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Gian Luigi Banfi lo studio di architettura BBPR. Nel 1938 le leggi razziali spezzarono un sodalizio esemplare per la cultura europea e costrinsero Rogers a rifugiarsi in Svizzera; durante la Repubblica sociale, a causa del loro impegno antifascista, Banfi e Belgiojoso furono deportati nel campo di concentramento di Mauthausen-Gusen, dove Banfi perse la vita. Quanto a Peressutti, era emigrato in America Latina, dove morì alla fine degli anni Cinquanta. Nel 1945 Rogers tornò in Italia, mantenendo un ruolo attivo all’interno dello studio BBPR ricostituitosi subito dopo la guerra mantenendo il medesimo nome, e si confermò una delle principali personalità teoriche e critiche della scena architettonica milanese e poi internazionale. Insegnante del Politecnico, anti-accademico, nonostante il suo incessante e severo lavoro di insegnamento, divenne professore di ruolo solo nel 1964.
Continua su ilgiornale.it

lunedì 23 novembre 2009

Ponteggi ,datore di lavoro e PIMUS

Nell'art. 136 del T.U. della sicurezza si legge che nei lavori in quota il datore di lavoro deve provvedere a redigere a mezzo di persona competente un piano di montaggio, uso e smontaggio (Pi.M.U.S.), tale piano può assumere la forma di un piano di applicazione generalizzata integrato da istruzioni e progetti particolareggiati per gli schemi speciali costituenti il ponteggio, ed é messo a disposizione del preposto addetto alla sorveglianza e dei lavoratori interessati.
Al comma 6 si specifica ulteriormente che il datore di lavoro assicura che i ponteggi siano montati, smontati o trasformati sotto la diretta sorveglianza di un preposto, a regola d’arte e conformemente al Pi.M.U.S., ad opera di lavoratori che hanno ricevuto una formazione adeguata e mirata alle operazioni previste.

Il datore di lavoro deve comunque sempre assicurare che:
a) lo scivolamento degli elementi di appoggio di un ponteggio é impedito tramite fissaggio su una superficie di appoggio, o con un dispositivo antiscivolo, oppure con qualsiasi altra soluzione di efficacia equivalente;
b) i piani di posa dei predetti elementi di appoggio hanno una capacità portante sufficiente;
c) il ponteggio é stabile;
d) (lettera soppressa)
e) le dimensioni, la forma e la disposizione degli impalcati di un ponteggio sono idonee alla natura del lavoro da eseguire, adeguate ai carichi da sopportare e tali da consentire un’esecuzione dei lavori e una circolazione sicure;
f) il montaggio degli impalcati dei ponteggi é tale da impedire lo spostamento degli elementi componenti durante l’uso, nonché la presenza di spazi vuoti pericolosi fra gli elementi che costituiscono gli impalcati e i dispositivi verticali di protezione collettiva contro le cadute.
(prima parte)

PROGRAMMI GRATIS

Notizie

News edilizia&energia

Risparmio energetico: pubblicate le UNI/TS 11300 sulle prestazioni energetiche degli edifici
fonte UNI
__________________________________________
Tutta la documentazione di approfondimento, compresi i decreti ministeriali attuativi delle Finanziarie 2007 e 2008 con le istruzioni dettagliate per fruire degli incentivi. Le risposte - elaborate a seguito di un attento esame delle Finanziarie e dei decreti attuativi - rappresentano la valutazione degli esperti ENEA
__________________________________________



Roma su google

pagerank

Check Page Rank of any web site pages instantly:
This free page rank checking tool is powered by Page Rank Checker service

ENERGIA SEMPLICE

ENERGIA SEMPLICE
"Energia Semplice" è la finestra che l’Autorità per l’energia elettrica e il gas ha voluto aprire verso il mondo dei consumatori per spiegare cosa cambia con l’arrivo della concorrenza nei mercati dell’elettricità e del gas. Semplici domande e risposte per capire come scegliere al meglio il nostro fornitore di energia e come approfittare dei nuovi diritti conquistati.

ĬĬ© Blogger template The Professional Template by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOPĬĬ