Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da luglio 18, 2010

Recinzione di protezione deposito di bombole di GPL presso impianti stradali di distribuzione carburanti - Chiarimenti.

Recinzione di protezione che non è prevista neanche nelle discipline di prevenzione incendi delle diverse attività di distribuzione di carburanti, fatta eccezione per ben individuati elementi pericolosi degli impianti di GPL e di metano per autotrazione.
Resta inteso che le rivendite di GPL devono essere rispondenti a quanto riportato nella parte terza del Circolare n. 74 del 20/09/1956.

Tabella di comparazione tra la nuova normativa e le precedenti disposizioni

La tabella seguente costituisce un utile strumento di lavoro per quanti dovranno applicare le nuove disposizioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro. In essa infatti si trovano i titoli in cui è suddiviso il nuovo decreto legislativo, la corrispondenza con la normativa precedente e un breve commento con l’analisi dei principali cambiamenti apportati dalle nuove disposizioni di legge. Il riferimento al numero di pagina di questo volume in cui trovare l’articolo o il comma di cui si sta parlando, agevolerà il lettore nella lettura del testo.
L’intento del curatore è quello di fornire un immediato richiamo alle principali novità, in particolare all’ampliamento del campo di applicazione della normativa di salute e sicurezza sul lavoro, all’azione pubblica – preventiva, repressiva e di deterrenza - e alla rappresentanza sui luoghi di lavoro.

verifica tecnico-professionale delle imprese e dei lavoratori autonomi secondo il Testo Unico

Per approfondire il tema della verifica tecnico-professionale prevista dal D. Lgs. n. 81/2008, contenente il Testo Unico in materia di salute e sicurezza sul lavoro, occorre distinguere il caso della attività svolta nell'ambito di un cantiere temporaneo o mobile da quella imprenditoriale in genere.
Per quanto riguarda i cantieri temporanei o mobili il legislatore con il D. Lgs. n. 81/2008 ha previsto due tipi di verifiche di idoneità tecnico-professionale una stabilita con l’art. 90 comma 9 lettera a) a carico del committente o responsabile dei lavori e da effettuare nei confronti
dell’impresa affidataria, delle imprese esecutrici e dei lavoratori autonomi e l’altra con l’art. 97 comma 2 dello stesso D. Lgs. n. 81/2008 a carico del datore dell’impresa affidataria da effettuare nei confronti delle imprese appaltatrici e dei lavoratori autonomi che operano nel cantiere edile.
Secondo l’art. 90 comma 9 lettera a), infatti, “Il committente o il responsabile dei lavori, anche nel caso di …

Linee Guida CASA SICURA per la prevenzione degli incidenti domestici

La brochure "Casa Sicura", pensata per un target adolescenti/adulti, realizzata in 9 lingue utili per raggiungere le varie realtà multietniche del nostro paese, ha il duplice scopo di diffondere in modo capillare conoscenze su come affrontare i rischi domestici, a partire dagli eventi incidentali più frequenti e di favorire la formazione di una cultura della prevenzione.
Vedi

Linee guida per la Progettazione, l’Esecuzione ed il Collaudo di Interventi di Rinforzo di strutture di c.a., c.a.p. e murarie mediante FRP

Scopo delle presenti Linee Guida è fornire, in armonia con le Norme attualmente vigenti, principi e
regole per la progettazione, l’esecuzione ed il controllo di interventi di consolidamento strutturale
mediante l’utilizzo di compositi fibrorinforzati.
Le Linee Guida trattano i seguenti argomenti:
- Concetti basilari del rinforzo con FRP e problematiche speciali;
- Rinforzo di strutture di c.a. e di c.a.p.;
- Rinforzo di strutture murarie;
- Materiali.
Sono inoltre fornite specifiche indicazioni concernenti le costruzioni in zona sismica, in linea con i più recenti orientamenti recepiti nella Normativa nazionale ed in quelle internazionali.
Linee guida per la Progettazione, l’Esecuzione ed il Collaudo di Interventi di Rinforzo

GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DEI “REQUISITI DI SICUREZZA ANTINCENDIO DELLE FACCIATE NEGLI EDIFICI CIVILI”

La presente guida tecnica ha i seguenti obiettivi:
a. limitare la probabilità di propagazione di un incendio originato all’interno
dell’edificio, a causa di fiamme o fumi caldi che fuoriescono da vani,
aperture, cavità verticali della facciata, interstizi eventualmente presenti
tra la testa del solaio e la facciata o tra la testa di una parete di
separazione antincendio e la facciata, con conseguente coinvolgimento di
altri compartimenti sia che essi si sviluppino in senso orizzontale che
verticale, all’interno della costruzione e inizialmente non interessati
dall’incendio;
b. limitare la probabilità di incendio di una facciata e la sua successiva
propagazione, a causa di un fuoco avente origine esterna (incendio in
edificio adiacente oppure incendio a livello stradale o alla base
dell’edificio);
c. evitare o limitare, in caso d’incendio, la caduta di parti di facciata
(frammenti di vetri o di altre parti comunque disgregate o incendiate)
che possono compromettere l’esodo in sicurezza degli occupant…

Messina: Pianificazione Provinciale

Strumento di attuazione del sistema informativo territoriale regionale organizzato a rete nel territorio regionale, attraverso la connessione di 41 soggetti territoriali (Regione, Province, Comuni), finalizzato alla condivisione delle informazioni geografiche ed al potenziamento dei servizi al cittadino ed alle imprese, che possono essere erogati attraverso le infrastrutture ICT. Il cuore del sistema è il SITR del Dipartimento Regionale dell’Urbanistica, basato su piattaforma ArcInfo/ArcView. Il SITR persegue la finalità generale di applicare le opportunità offerte dalle Information and Communication Technologies al governo delle trasformazioni territoriali, trasferendo le forme, le procedure e le opportunità dell’e-governament non solo all’amministrazione delle trasformazioni, ma nel cuore della pianificazione territoriale.

Attraverso il portale Cartografico del SITR è possibile visionare ed interrogare gli strati geografici del territorio provinciale, ottenere informazioni su dati …