Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da settembre 25, 2011

Difesa del patrimonio culturale, pene più severe per gli aggressori

Con l’obiettivo di rendere maggiormente effettiva ed incisiva la tutela penale del patrimonio culturale, il Consiglio dei Ministri del 22 settembre 2011 ha approvato un disegno di legge che delega il governo a riformare la disciplina sanzionatoria in materia di reati contro questa categoria di beni. E’ un patrimonio che va difeso senza tentennamenti, ha affermato il ministro Galan nella successiva conferenza stampa: il provvedimento approvato, oltre a contenere tale riconoscimento, mette a disposizione delle forze dell’ordine uno strumento che renderà la loro azione più decisa. La Costituzione colloca la tutela del paesaggio e del patrimonio storico e artistico della Nazione ad un livello superiore rispetto alla difesa del diritto all’integrità dei beni privati, e richiede che alla tutela penale del patrimonio culturale sia assegnato un rilievo preminente e differenziato. E’ costituito dai beni culturali e dai beni paesaggistici, come definiti dal  Decreto legislativo 22 gennaio 2004 …

DECRETO 14 settembre 2011. Modalità applicative e documentazione necessaria per la presentazione della certificazione per il riconoscimento della ruralità dei fabbricati.

Art. 1. Attribuzione del classamento agli immobili per i quali sussistono i requisiti di ruralità 1. Sono attribuite le categorie catastali A/6 e D/10, rispettivamente, alle unità immobiliari ad uso abitativo e a quelle strumentali all'attività agricola, per le quali sussistono i requisiti di ruralità di cui all'art. 9 del decreto-legge 30 dicembre 1993, n. 557, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio 1994, n. 133. 2. Viene istituita la classe "R", senza determinazione della rendita catastale, per le unità immobiliari ad uso abitativo, di cui al comma 1, censite nella categoria A/6. 3. La rendita catastale per le unità immobiliari strumentali all'attività agricola, censite nella categoria D/10, è determinata per stima diretta, ai sensi dell'art. 30 del decreto del Presidente della Repubblica 1° dicembre 1949, n. 1142.

Art. 2. Presentazione delle domande di variazione, delle dichiarazioni in catasto e delle autocertificazioni... Continua