Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da ottobre 17, 2010

Stato della pianificazione paesaggistica Regione Lazio

Sintesi dell’evoluzione della Pianificazione paesaggistica
Stato della pianificazione paesaggistica Regione Lazio :
• L. 1497/39. Protezione delle bellezze naturali;
• L. 431/85. Disposizioni urgenti per la tutela delle zone di particolare interesse ambientale
(legge Galasso);
• Adozione di 27 piani territoriali paesistici fra il 1987 e il 1995.
• Lr 24/98. Pianificazione paesistica e tutela dei beni e delle aree sottoposti a vincolo
paesistico.
o approva i 27 PTP limitatamente alle aree con vincolo paesaggistico;
o introduce omogenee disposizioni sulle categorie dei beni art. 1 l. 431/85;
o introduce omogenea normativa sugli strumenti urbanistici comunali;
o prevede la redazione di un unico piano paesistico regionale.
• Nel 1998 sono adottati due ulteriori piani paesistici nel territorio del comune di Roma, uno
approvato nel 2001 e l’altro nel 2006;
• E’ stato adottato dalla Giunta Regionali il piano paesistico dell’Appia Antica.
Evoluzioni intervenute dalla legge Galasso :
• Maturaz…

Regione Lazio tutela il paesaggio PTPR

Il nuovoPianoTerritorialePaesaggisticoRegionale (PTPR) è stato adottato dalla Giunta Regionale con atti n. 556 del 25 luglio 2007 e n. 1025 del 21 dicembre 2007, ai sensi dell’art. 21, 22, 23 della legge regionale sul paesaggio n. 24/98.

Dal 14 febbraio per tre mesi fino al 14 maggio il PTPR è depositato presso tutti i Comuni del Lazio e le Province per la pubblica visione dove devono essere presentate le osservazioni dei cittadini, enti e associazioni.

IlPTPRintende per paesaggio le parti del territorio i cui caratteri distintivi derivano dalla natura, dalla storia umana o dalle reciproche interrelazioni nelle quali la tutela e valorizzazione del paesaggio salvaguardano i valori che esso esprime quali manifestazioni identitarie percepibili come indicato nell’art. 131 del Codice dei beni culturali e del paesaggio DLgv. 42/2004.

IlPTPRassume altresì come riferimento la definizione di “Paesaggio” contenuta nella Convenzione Europea del Paesaggio, legge 14/2006, in base alla quale esso desi…

Rendimento energetico degli edifici Emilia Romagna

Sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia Romagna n. 126 del 30/09/2010 è stata pubblicata la Delib. G.R. 20/09/2010, n. 1362, recante «Modifica degli allegati di cui alla parte seconda della Delibera di Assemblea legislativa n. 156/2008».
La delibera entrerà in vigore dopo la sua pubblicazione sul BUR, che avverrà il 30 settembre p.v.: a partire da quella data, dovranno essere applicate le nuove disposizioni in materia di: requisiti minimi di prestazione energetica e procedure di certificazione energetica degli edifici.



A titolo informativo si allega il testo della DGR n. 1362/2010 DGRn. 1362/2010 [File pdf - 1933 kB]

Belluno medaglia d'oro in salute ambientale

VENEZIA (18 ottobre) - C'è Belluno in testa alla classifica nazionale dei comuni virtuosi per il loro stato di salute ambientale: sul podio poi Verbania e Parma, mentre la maglia nera va a Palermo, Crotone e Catania, che occupano gli ultimi tre posti. E se Milano soffre per la qualità dell'aria, Palermo, Napoli e Roma devono gestire una "emergenza ambiente".

È quanto emerge dai dati della 17esima edizione di"Ecosistema urbano", annuale ricerca diLegambiente, Ambiente Italia e Sole 24Ore, presentato in Palazzo Vecchio a Firenze. Oltre ai riconoscimenti per le città prime in classifica, anche una menzione speciale per L'Aquila. Belluno, seconda nel 2009, quest'anno spicca su tutti per qualità dell'aria, raccolta differenziata, numero di passeggeri del trasporto pubblico locale. Nella "top ten", dopo le tre sul podio, ci sono Trento, Bolzano, Siena, La Spezia, Pordenone, Bologna e Livorno. Ma non tutte le città del Nordest sono nella part…